Libreria
Italiano

Alla mercé della regalità(Gratis)

218.0K · Completato
Luuah Stefane
109
CapitolI
157.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

"Córya è una piccola regione, più come se fossi in isolamento. Uno di questi è che ogni ragazza ha 17 anni ed è obbligata a comparire a un grande ballo, non a Castelo da Realeza, dove sarà sostenuta e possibilmente scortata per essere la signora di due principi. Ero escolhidas, abbiamo preso un'altra destinazione come cozinha o aiutante di lavadeira. Quindi ero escolhidas servito con i suoi corpi, sia sessualmente che come fonte di cibo. Kalenna è una dessas povere ragazze di città che hanno appena completato 17 Joseph, seu pai, decide di incoraggiarla a fuggire. Sapendo quanto sia crudele questo, Joseph, seu pai, riuscirà Kalenna ad andare avanti per molto tempo? Sarà possibile sfuggire a un destino che è già stato tracciato?

SangueMysteryRomanticoAmore

*01*

17 anni fa...

L'agonia si stava impadronendo di una piccola casa dove una donna stava soffrendo per le doglie del parto. Sudata, stanca per tutto lo sforzo che stava facendo per dare vita al suo piccolo frutto.

Forza, Kassandra!" gridò la levatrice, controllando il passaggio per vedere se il bambino stava incoronando.

Kassandra aveva già dato alla luce un maschio e una femmina. Pregava solo che non fosse un'altra ragazza. Suo marito, Giuseppe, le teneva la mano e chiedeva nei suoi pensieri che tutto andasse bene.

Kassandra non poteva avere altri figli, poiché le sue ultime due nascite le avevano quasi tolto il respiro.

Forza, amore mio. Andrà tutto bene._ Passò la mano su di lei, asciugando il sudore che colava dalla fronte della moglie, che tirava dentro l'aria e la faceva uscire compulsivamente.

Avevano lasciato i bambini tranquillamente nell'altra stanza in ansia per l'arrivo di un nuovo membro. Il maggiore, Henrico, stava abbracciando sua sorella, Ravenna, che stava piangendo mentre sentiva le grida di sua madre.

Calmati Ravenna, la mamma ci porterà il piccolo bambino da vedere", disse Henrico che aveva solo sei anni al piccolo di quattro anni.

Nel frattempo nell'altra stanza il bambino stava già incoronando. Il bambino stava già incoronando nell'altra stanza. Anche stanca all'estremo, ha cercato la forza da dove non sapeva e ha spinto il bambino a uscire e a portare gioia a questa famiglia così accogliente.

E così si udirono i primi vagiti di una bella bambina. Apparentemente sano e forte. Anche sapendo che avere una bambina in quella città era qualcosa di molto brutto, i genitori della neonata non se la sono presa. Era un misto di risate e pianti senza fine. La ragazza, a differenza degli altri figli, è nata rossa come sua madre. Non si potevano ancora vedere i suoi occhi, ma si presumeva che anche loro possedessero lo stesso colore.

Lady Kassandra..._disse la levatrice con aria afflitta..._Il sangue non si ferma. La signora comincia ad avere un'emorragia.

In quel momento lo sguardo del padre, che era stato su sua figlia, si rivolse direttamente a sua moglie, che sembrava non curarsi di ciò che aveva appena sentito.

Ho compiuto la mia missione. Ti ho dato le cose più belle del mondo? Non abbandonarli per niente...

In quel momento Giuseppe consegnò il bambino nelle mani della levatrice e strinse il viso pallido di sua moglie.

Non lasciarmi. Non saprei come occuparmi di loro da sola..._I suoi occhi erano già in lacrime._Non andare, Kassandra... Amore mio, non andare...

Lei fece solo un semplice sorriso e si tolse lentamente la collana che aveva al collo. Era d'oro con un ciondolo a forma di trifoglio verde.

Ha detto: "Lascia fare a lei. Metteteglielo appena..._Kassandra tossisce, ma riprende._ Appena comincia a capire le cose...

Kassandra, non farmi questo._ dice Joseph stringendo forte la collana e scoppiando a piangere.

L'ostetrica si allontana con la bambina in mano cercando di farla dormire. E anche per fargli dire addio perché nella situazione in cui si trovava, l'emorragia non ci sarebbe stata più. Gli ospedali erano lontani e il più delle volte solo i reali avevano accesso.

_Kalenna..._ sussurrò Kassandra quasi chiudendo gli occhi. Ti amo..._Disse chiudendo gli occhi e appendendo la testa di lato.

Era la fine!

Giuseppe lancia un grido di malcontento per la sua perdita, spaventando tutti in casa. La piccola Kalenna e sua sorella, che era in un'altra stanza, si misero a piangere. Infine, anche la levatrice ha pianto la morte di Kassandra.

Giuseppe baciò le labbra fredde di sua moglie e le coprì la testa. Era perso, non sapeva cosa fare. Aveva ancora la collana tra le mani e la mise via in un cassetto vicino al letto.

_Signor Giuseppe, devo andare via._ disse la levatrice cullando il neonato affamato e piangente.

_Consegnala a Henrico. Mi ha portato via Kassandra._ disse Brad uscendo per incontrare i suoi figli nell'altra stanza.

Papà, dov'è il bambino? Chiese Henrico, innocente dei fatti.

Vai a prenderla dalla levatrice._ Indica la porta e il ragazzo esce subito._ Principessina, vieni qui._Joseph chiama e Ravenna apre subito le braccia e corre da suo padre._Stai bene?

Presto Henrico entra nella stanza tenendo il bambino addormentato in modo semi-imbarazzante. La stende sul lettino che era già stato allestito nella loro stanza e sta lì a guardarla dormire.

Figlio, vieni qui!" ordinò severamente suo padre, e suo figlio si avvicinò e si mise accanto a Ravenna. Ora è lassù che ci guarda e ci protegge._ Abbraccia i suoi due figli e trattiene le lacrime che vogliono scendere.

Non la vedremo, papà?

Non il modo in cui è sempre stata. Ora è una stella nel cielo", indica la finestra e gli occhi dei suoi figli brillano.

Presto mette i suoi figli a letto e si addormentano.

Arriva alla culla e guarda sua figlia che dorme tranquillamente. Aveva paura di non sapersi prendere cura di lei come si deve, odiava che lei avesse preso la vita del suo amato... Era un misto di confusione che non capiva. Da quel momento in poi avrebbe dovuto essere forte e adempiere a ciò che la sua amata gli aveva chiesto sul letto di morte.

Oh Kalenna... Sei così simile a tua madre..._ Parlò sottovoce per non svegliare nessuno nella stanza.

Uscì da lì e andò a vedere di seppellire sua moglie prima che si svegliassero. Un funerale con solo lui come famiglia. Non voleva lasciare quella scena come ricordo di una madre ai suoi figli.

Salutò sua moglie e tornò a casa nelle prime ore del mattino rimpiangendo la vita per essere stata così ingiusta con lui.

( )