Libreria
Italiano

Accoppiato allo spietato re

100.0K · Completato
Daiii
69
CapitolI
9.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Dopo che i licantropi conquistarono il mondo e ne divennero il sovrano supremo, le donne umane (di età compresa tra i 18 ei 35 anni) furono rinchiuse nei sotterranei e poi costrette a diventare le schiave sessuali dei licantropi maschi che non erano riusciti a trovare i loro compagni. Una volta scelto da un lupo mannaro, diventerai loro possesso per il resto della tua vita. Sarah Fibb è una schiava sessuale che è stata nelle segrete per cinque anni. Dopo essere stata lì per così tanto tempo, aveva perso la speranza di essere mai scelta da un lupo mannaro. Ma una notte accadde una cosa strana... Fu rivendicata da Damon Kalesto; Il re alfa. *** Damon Kalesto è lo spietato Re Alpha. Governa instillando paura in tutti coloro che lo circondano. Non crede nell'amore né nel destino, quindi era convinto che non avrebbe ceduto al legame con il compagno... ma gli bastava uno sguardo per innamorarsi di Sarah Fibb.

LicantropiRomanticoAmorePossessivo

Richiesto da Lui

Sarah si contorceva e si rigirava sul freddo pavimento di cemento, cercando invano di mettersi abbastanza comoda da addormentarsi. Viveva in questa stessa prigione da cinque anni, ma non era ancora riuscita ad abituarsi all'odore strano e al cibo schifoso, né a sopportare di dormire sul pavimento a spuntoni. Aveva crampi dappertutto e le sembrava che il collo le stesse cadendo dalle spalle. Forse non era una buona idea cercare di sollevare la testa usando il piccolo piatto arrugginito in cui si era nutrita poco tempo prima.

Mentre Sarah cercava di sopportare la sua eterna tortura, si udì un forte battito contro il metallo, poi qualcuno parlò a voce alta, la voce di nientemeno che il signor Knack, il proprietario della filiale del Commercio Umano in cui risiedeva. "Oggi è il vostro giorno fortunato, sgualdrine. Il potente Damon Kalesto..." Allungò la parola "potente" con una densa malizia, mentre i suoi passi pesanti risuonavano nell'oscuro sotterraneo, incutendo timore a tutti coloro che lo sentivano avvicinarsi. "... sta venendo a prendersi un'altra schiava sessuale, quindi tutti vedranno la luce del giorno per qualche minuto. È meglio che vi teniate sotto controllo, perché chi si comporta male mangerà e dormirà con il mio cazzo in gola... Capito?".

Una serie di "sì" sottomessi da parte delle altre donne seguì il suo avvertimento, ma per quanto riguardava Sarah, la sua curiosità stava appena cominciando ad affiorare.

"Chi è questo Damon Kalesto?". Osò chiedere, alzandosi lentamente a sedere nonostante i dolori alla schiena che la tormentavano. Fin dal primo giorno, non avevano mai avuto il permesso di uscire dalle loro celle a meno che non fossero stati scelti, non avessero fatto il bagno o non fossero morti. Erano i lupi mannari a entrare nelle segrete e a scegliere chi si adattava ai loro gusti. Quindi, ora che questa persona in particolare riceveva un trattamento speciale, era semplicemente curiosa di conoscere la sua identità e la sua influenza.

Ma il signor Knack la pensava diversamente. I suoi occhi si restrinsero e si scrollò il collo per prepararsi a ciò che sarebbe successo. Gettò la frusta di cuoio sulla spalla e si avvicinò alla sua cella, finché Sarah poté vagamente vederlo attraverso le sbarre d'argento arrugginite. "Osi parlare quando non te l'ho chiesto?". Disse, sorridendo perfidamente, mentre estraeva la chiave dalla tasca del petto e la infilava nella toppa.

Sarah si rannicchiò immediatamente in una palla. Sapeva esattamente cosa sarebbe successo dopo un sorriso come quello del signor Knack... e di certo non era una bella esperienza. "Mi dispiace". Borbottò, coprendosi la bocca quando si rese conto del suo errore. Non avrebbe dovuto dire nulla. Avrebbe dovuto tenere la bocca chiusa.

Ma se doveva pentirsene ora, non c'era motivo di farlo. Lui non mostrava alcuna pietà quando qualcuno disobbediva alle sue regole e, una volta deciso a punirla, sarebbe andato fino in fondo. "Immagino che tu non abbia imparato la lezione ieri, quindi mi assicurerò che tu sappia tenere la bocca chiusa questa volta... Via i vestiti!". Sorrise mentre si slacciava la cintura e si avvicinava lentamente a lei con gli occhi di un predatore e l'espressione di un pazzo completo.

Sarah non voleva farlo, la sua mente e il suo corpo erano totalmente contrari a un'idea così disgustosa, tuttavia, dopo tante esperienze, sapeva che resistere non l'avrebbe portata da nessuna parte... avrebbe solo peggiorato le cose. Con il volto impallidito e i movimenti esitanti, raggiunse le spalline del vestito e cominciò a farlo scivolare dalle spalle, ma proprio quando i suoi seni affiorarono da sotto i vestiti, uno dei subordinati del signor Knack entrò di corsa, con l'allarme stampato sul volto. "Signore, il Re Alfa dovrebbe arrivare entro un'ora! Vuole scegliere solo tra gli umani che hanno occhi azzurri e capelli neri!".

Lo sguardo predatorio svanì dai suoi occhi e il signor Knack si mise rapidamente a sistemare i pantaloni, con le chiavi che gli tintinnavano tra le mani. "Allora cosa stai aspettando? Sbrigati a trovare tutte le donne che vuole! Non possiamo permetterci di scontentarlo o sarà la fine per noi!".

Gli occhi di Sarah vorticarono di confusione e le sue dita si irrigidirono intorno alle cinghie. Non sapeva a cosa fosse dovuta questa fretta improvvisa, ma in ogni caso tirò un sospiro di sollievo. Era grata per qualsiasi cosa fosse questo disturbo, perché altrimenti sarebbe stata completamente spacciata.

***

***

***

Nel giro di pochi minuti, tutte le donne umane con gli occhi azzurri e i capelli neri furono sistemate su un grande podio e la sedia designata per il loro cliente fu lasciata davanti a loro. All'inizio erano state ben organizzate in cinque gruppi orizzontali di dieci, ma quell'allineamento era stato presto dimenticato e ora le ragazze erano accoccolate l'una contro l'altra, alcune bisbigliavano tra loro mentre altre stavano in silenzio in attesa di un altro comando. Sarah era una di quelle silenziose, stipate in fondo. Dopo tutti gli anni trascorsi, il signor Knack aveva già scartato la possibilità che venisse scelta, quindi si era assicurato di metterla in fondo. Non le dispiaceva, perché anche lei la pensava allo stesso modo, ma quello che le dava fastidio era quanto fosse soffocante quel posto.

Era la prima volta che usciva dai sotterranei dopo anni, ma non riusciva nemmeno a goderselo appieno. L'unica cosa che voleva fare in questo momento era tornare nelle segrete. Più si tratteneva, più i suoi occhi si annebbiavano e i suoi piedi si sentivano gelatinosi. I suoi occhi blu e i suoi capelli neri erano da biasimare per questa calamità.

Passarono alcuni minuti prima che il signor Knack annunciasse che il Re Alfa era arrivato e stava dando le sue istruzioni, ma Sarah era l'unica a non prestargli molta attenzione.

Sbatté rapidamente le palpebre nel tentativo di liberarsi dell'annebbiamento degli occhi e si aggrappò alla spalla di una donna quando si trovò a lottare per mantenere il corpo in posizione eretta. Mordendosi le labbra, spostò lo sguardo dai suoi piedi e allungò il collo per vedere il crudele licantropo che l'aveva fatta stare in piedi così a lungo da non riuscire nemmeno a respirare.

Con una sola occhiata, i suoi occhi individuarono un uomo seduto davanti al podio, che fissava freddamente tutte le donne davanti a lui. Se era il Damon Kalesto di cui parlava il signor Knack, allora non era sicura se fosse venuto a cercare una schiava del sesso o se fosse venuto per ucciderle tutte... perché l'espressione del suo volto era decisamente letale.

Ma nonostante il suo aspetto pericoloso anche da lontano, Sarah non poté fare a meno di ammirarlo. Indossava un abito blu immacolato, con una canottiera bianca e una cravatta blu. I suoi capelli neri erano ben raccolti dietro, lasciando intravedere i suoi perfetti occhi nocciola, le labbra carnose e la mascella affilata. Ogni cosa di lui era spettacolare, ma quando si trattava dei suoi occhi, tutto il resto sembrava un'ombra alle spalle. Una bellezza come quella non aveva mai abbellito i suoi occhi prima... non da quello che ricordava. Per cinque anni di fila aveva visto solo il signor Knack e i suoi lacchè... Per dirla senza mezzi termini, non erano un bel vedere.

A parte l'aspetto, c'era qualcos'altro che l'attirava, qualcosa che in qualche modo sembrava un'attrazione magnetica. Una volta che lo guardava, non riusciva a staccare gli occhi da lui. Era la vibrazione pericolosa che emanava? Il dominio che i suoi occhi richiedevano? O era semplicemente attratta da lui come una donna da un uomo?

Non sapeva dire quale delle due cose fosse, ma era certa che quell'uomo era molto diverso dagli altri.

Per la prima volta in vita sua, Sarah si sentì un po' in imbarazzo quando i suoi occhi attraversarono tutte le donne e si posarono su di lei. Il suo stomaco ebbe immediatamente un sussulto. Questa sensazione era nuova per lei e non aveva idea di cosa significasse, ma il ragazzo sembrava sapere esattamente cosa stava succedendo perché un secondo dopo aver posato lo sguardo su di lei, gli occhi gli uscirono dalle orbite e volò immediatamente fuori dalla poltrona.

Sarah si irrigidì, arrossendo sulle guance. Voleva davvero continuare a fissarlo in viso, esaminando i suoi lineamenti seducenti, ma un improvviso capogiro fece sì che tutto intorno a lei si confondesse. Mentre era presa dal loro incontro di sguardi, non si rese conto che aveva sudato ininterrottamente per tutto il tempo e che ora anche i suoi capelli, che avrebbero dovuto essere mossi dal vento, si erano irrigiditi contro la sua pelle. Non passò molto tempo che le sue gambe decisero di cedere e lei cadde a terra come un sacco di patate, mentre le palpebre pesanti si abbassavano a velare i suoi occhi blu.

Il panico invase le donne intorno a lei, ma prima ancora che qualcuno potesse guardarla bene, una figura dagli occhi dorati si fece largo tra la folla e mani calde la presero nel loro comodo abbraccio, accendendo formicolii lungo la sua pelle.

Tra le ragazze scoppiarono dei sussurri, ma Sarah riusciva a malapena a sentire qualcosa... L'unica parola che riuscì a distinguere furono quelle della persona che la stava abbracciando...

"Il mio compagno. Mio!" La voce roca tuonò appena prima che lei perdesse completamente i sensi.