Libreria
Italiano

Accoppiata ai fratelli gemelli Alfa

159.0K · Completato
Kathrine Kayz
145
CapitolI
33.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

“Vuoi che ti baci o che ti scopi?” Chiese, facendomi arrabbiare. “Sembra che sia disperata al punto di aprire le gambe per te?” Risposi piccata, poi trattenni il respiro quando i suoi occhi cambiarono colore, diventando di un rosso scuro. “Hai una bocca dolce e invitante. Ci sono molte cose che potrei infilare, incluso il tuo giocattolo preferito, sai cosa è?” Chiese avvicinandosi. Volevo indietreggiare ma le mie gambe erano bloccate a terra. “Sai quale sarà il tuo giocattolo preferito?” Chiese di nuovo con un ruggito basso. “No,” risposi con un respiro affilato. Mi prese la mano e la posò sul suo cazzo duro. “Questo, se continui a parlare in modo intelligente con la tua bocca, te lo farò infilare in bocca.” Avvertì mentre io ritirai rapidamente la mia mano con il cuore che batteva velocemente. “Adoro come reagiscono le vergini quando vengono provocate. Ora esci dal mio ufficio.” Ordinò. Guardai intorno e mi accorsi che ero davvero nel suo ufficio. Mi girai per andarmene ma lui mi afferrò la mano forte. I formicolii che scaturirono tra noi mi fecero sentire così bene e mi fecero ingoiare un gemito. Un brivido freddo si diffuse in tutto il mio corpo e i miei capezzoli si indurirono istantaneamente. Ogni volta che mi muovevo, premevano contro la mia camicetta di cotone facendomi ingoiare a fatica. “Sei seriamente eccitata adesso?” Chiese con voce rauca. “No.” Negai rapidamente. Si avvicinò chiudendo lo spazio tra noi e sfiorò il mio collo con il naso. “Senza vergogna.” Sussurrò con un soffio.

LicantropiRomanticoVergineSessoAlfaPossessivoTriangolo Amoroso

1. I gemelli

Il p.o.v. di Mia

Avete mai pensato a come sarebbe la vita di una persona se il suo destino non fosse deciso dalla dea della luna? Sarebbe tutto molto diverso, si avrebbe la possibilità di decidere che strada prendere e chi amare. Purtroppo non è stato così per me. Il mio destino era già segnato il giorno in cui sono nato come lupo mannaro.

Il fatto di essere nato come omega significava che ero al di sotto delle alte sfere. Il mio scopo era quello di servirli e compiacerli come volevano.

Non dovevo ribattere o guardarli negli occhi.

Una delle mie responsabilità era quella di aprire le gambe in modo che l'alfa potesse allevarmi a suo piacimento fino a produrre tutti i cuccioli che voleva. Volevo la libertà, ma solo allora l'avrei ottenuta.

Questo era il destino di un Omega nel nostro branco.

Questa stupida regola era stata creata dal lupo mannaro originale, che era stato il primo a parlare con la dea della luna. Secondo la leggenda, lo stronzo lo fece perché vide che gli Omega erano molto sottomessi. Notò che gli Alfa diventavano più possessivi nei loro confronti e pensò che un Alfa con un Omega fosse più potente di uno senza.

Ogni volta che un alfa si dimetteva per lasciare che il figlio prendesse il controllo del branco, gli anziani davano al nuovo alfa la possibilità di scegliere un omega tra tutti loro che potesse essere la sua Luna e stare al suo fianco. Ma questo non significava che fosse la sua compagna, no. Anche se noi abbiamo la possibilità di avere una compagna, la regola non valeva per un alfa o un omega. Perché nel momento in cui un alfa decideva di avere un omega, entrambi erano direttamente destinati a rifiutare il proprio compagno per rispettare le regole del branco.

Dopo che l'alfa aveva deciso un omega che gli piaceva, anche al beta veniva data la possibilità di scegliere, ma la regola era diversa. Il beta poteva scegliere un omega o rifiutare, a differenza dell'alfa.

Una volta terminata la notte della scelta cerimoniale, l'alfa si recava nella sua camera per allevare l'omega fino a quando questa non rimaneva incinta, oppure le permetteva di lasciare la sua stanza. A quel punto l'omega viveva i suoi giorni al servizio dell'alfa fino a quando il suo scopo non era terminato, e lui le concedeva la libertà necessaria dopo aver partorito i suoi cuccioli.

La regola è andata avanti di generazione in generazione fino a un incidente avvenuto cinque anni fa. Il nostro branco subì un'imboscata da parte degli alfa gemelli.

Non c'era branco che non avesse sentito parlare di loro, Brandon e Landon.

I tormentatori dei territori e della Cacciatrice di tutte le vite, per quanto i loro nomi suonassero così falsi, erano molto reali.

Hanno massacrato i nostri Alfa, i Beta, i guerrieri e la maggior parte dei nostri uomini che avevano più di vent'anni. Poi hanno preteso che ci inginocchiassimo e giurassimo loro fedeltà.

Abbiamo visto come uccidevano senza rimorsi o esitazioni e non eravamo così forti da provare a contrastarli. Così facemmo quello che avrebbe fatto chiunque fosse sano di mente. Ci inginocchiammo tutti e giurammo la nostra fedeltà a loro, ma a quel punto avevo solo dodici anni e il mio cuore era colmo di rabbia e di collera nei loro confronti.

Perché tra i membri del branco che avevano ucciso c'era mio padre, che amavo tanto e a cui tenevo molto. Mia madre morì mentre mi dava alla luce, così mi rimase solo lui, che mi mostrò cosa fosse l'amore e mi diede tutto ciò che potevo chiedere. Per me era tutto ciò che avevo ed ero così felice che mai in vita mia avevo pensato di scappare o di uccidermi.

Ma il giorno in cui i gemelli presero il sopravvento, lo tentai più di una volta. Fui punita severamente, per una settimana fui rinchiusa in un luogo buio, senza cibo né acqua. Fui incatenato a una catena d'argento che era molto dolorosa per qualsiasi lupo mannaro.

Dopo quell'esperienza quasi mortale, smisi di cercare di scappare o di farmi del male.

Scelsi di vivere nella sala infernale che tutti nel mio territorio chiamavano casa, ma sapevo che nel profondo tutti non erano così felici.

I gemelli erano gli alfa più chiacchierati di tutte le terre, che all'età di quindici anni si erano guadagnati il primo soprannome di gemelli di Lucifero.

I gemelli non sono sempre stati così, secondo i pochi anziani del branco rimasti che ne parlavano raramente per paura.

C'è stato un incidente accaduto anni fa, che li ha trasformati nei peggiori alfa di tutta la storia dei mannari.

Nonostante la loro freddezza e pericolosità, ci furono alcune lupe che cercarono di sedurli, ma purtroppo finirono morte o ferite. Molti cominciarono a pensare che fossero gay e anch'io cominciai a pensare che avessero ragione, perché erano passati cinque anni e non avevano ancora una Luna, un allevatore o una compagna. A loro non importava nulla di ciò che i membri del nostro branco spettegolavano, e in quei cinque anni nessuno li aveva mai visti con una donna, né a letto né in ufficio.

I gemelli erano gli uomini più belli del nostro branco, molto tranquilli, laboriosi, intelligenti, ma anche molto spietati, pericolosi e impenitenti.

Facevo del mio meglio per stare lontana da loro e da tutti gli alti, ma stava diventando difficile perché una settimana fa i gemelli alfa avevano ordinato ai nostri anziani di riprendere le regole, la cultura e la vita originarie del nostro branco. Ciò significava che prima o poi si sarebbe tenuta la scelta di un omega.

Molti pensieri mi passavano per la testa.

"Perché hanno ripreso le regole e la cultura del nostro branco dopo anni?". Era perché volevano avere un cucciolo o erano stanchi delle voci che giravano?".

Nessuno lo sapeva, tutto ciò che sapevo era che il mio diciottesimo compleanno sarebbe stato tra una settimana. Se volevo trovare il mio compagno, lo avrei pregato di fuggire con me. A causa del legame di parentela che avremmo condiviso, ero così sicura che avrebbe accettato la mia richiesta, dopo tutto, nessuno voleva fare del male al proprio compagno, a nessun costo.

Mi alzai dal mio lettino e andai alla finestra con un leggero sospiro.

Il mio desiderio di compleanno era di essere accoppiata con un guerriero. Non volevo che fosse un Delta o un Beta, perché avevo visto come si comportavano con un compagno e non era tutto rose e fiori.

Erano soprattutto spine e bicchieri rotti.