Libreria
Italiano

Abbandonarsi all'abbraccio del Don

262.0K · Completato
HanniJang
173
CapitolI
401.0K
Visualizzazioni
9.0
Valutazioni

Riepilogo

Amelie Pearce, nata in una delle più importanti famiglie criminali di Chicago, è una principessa della mafia rinomata per la sua avvenenza fisica. Tuttavia, ciò che molti percepiscono come una benedizione diventa la sua rovina quando è costretta a sposare Gio Locatelli, al fine di stabilire la pace tra due dinastie mafiose. Gio è il potenziale capo del Cartello Locatelli all'interno della Famiglia di New York, un uomo famoso per la sua natura brutale e per aver strangolato suo cugino a mani nude. Millie è terrorizzata dalla prospettiva di sposare un simile mostro. Nonostante sia uno degli scapoli più desiderati di New York grazie al suo bell'aspetto, alla sua ricchezza e al suo atteggiamento carismatico ma predatorio, Millie capisce che la personalità da cattivo ragazzo di Gio non è solo una recita. Dietro gli accattivanti occhi grigi e il sorriso arrogante di Gio si nascondono spargimenti di sangue e morte. Nel suo mondo, un aspetto attraente spesso nasconde un mostro nascosto, capace di uccidere e baciare con la stessa facilità. Tuttavia, sfuggire all'unione combinata, per non parlare di un uomo come Gio, è impossibile. Lui la inseguirebbe fino in capo al mondo. L'unica speranza di Millie di sopravvivere a un matrimonio con Gio è quella di conquistare il suo affetto e di farsi strada gradualmente nel suo cuore, nonostante le voci che suggeriscono che Gio non abbia affatto un cuore. Una bella principessa della mafia data in sposa a un uomo mostruoso. Anche i mostri hanno un cuore. Lei intende trovare il suo posto all'interno di esso.

MiliardarioAlfaMafiaMatrimonioAmoreRomanticoPoteriMatrimonio combinatosentimentourbano

1

MILLIE

Ero comodamente sdraiata sul lungo divano della nostra biblioteca, a leggere, quando sentii bussare alla porta. La testa di mia sorella Sienna era appoggiata sulle mie ginocchia e non si svegliò quando entrò nostra madre. La mamma sembrava preoccupata, con i capelli biondi raccolti in una crocchia dietro la testa.

"C'è qualcosa di sbagliato?" Ho chiesto.

Si forzò un sorriso e disse: "Tuo padre vuole parlarti nel suo ufficio".

Con attenzione, ho spostato la testa di Sienna e l'ho messa sul divano. Lei si rannicchiò, essendo una piccola undicenne, mentre anch'io, con il suo metro e settantacinque, non ero molto alta. Nessuno nella nostra famiglia era particolarmente alto. Mentre camminavo verso la mamma, lei evitava il contatto visivo.

"Sono nei guai?" Non ero sicura di cosa avrei potuto fare di sbagliato. Di solito, Sienna e io eravamo quelli che si comportavano bene, e nostra sorella Harper era quella che infrangeva le regole e si metteva nei guai.

"Sbrigati, non far aspettare tuo padre," disse semplicemente la mamma.

Il mio stomaco si agitava nervosamente mentre stavo davanti all'ufficio di mio padre. Dopo essermi presa un momento per calmare i nervi, bussai alla porta.

"Si accomodi."

Sono entrata, cercando di mantenere una faccia da poker. Papà era seduto dietro la scrivania di mogano, su una grande poltrona di pelle nera. Gli scaffali di mogano dietro di lui erano pieni di libri che non aveva mai letto, ma nascondevano un ingresso segreto al seminterrato e un corridoio che portava fuori dai locali.

Alzò lo sguardo da una pila di carte, con i capelli grigi pettinati all'indietro. "Siediti."

Mi sono seduta su una delle sedie di fronte alla sua scrivania e ho incrociato le mani in grembo, cercando di non mordermi il labbro inferiore, perché a papà non piaceva. Ho aspettato che parlasse. Aveva una strana espressione sul viso mentre mi guardava. "La Bratva e la Triade cercano di impadronirsi dei nostri territori. La loro audacia aumenta di giorno in giorno. Noi siamo più fortunati della familia di Las Vegas, che deve vedersela anche con i messicani, ma non possiamo ignorare la minaccia proveniente dal Non più russi e taiwanesi."

Ero confusa. Papà non ci ha mai parlato dei suoi affari. Le ragazze non dovevano conoscere i dettagli del business della mafia. Sapevo che era meglio non interromperlo.

"Dobbiamo risolvere la nostra faida con la Familia di New York e unire le forze se vogliamo opporci alla Bratva e alla Triade". Pace con la Familia? Papà e tutti gli altri membri del Chicago Outfit odiavano la Familia. Si combattevano da decenni e solo di recente hanno deciso di ignorarsi a vicenda per prendere di mira i membri di altre organizzazioni criminali, come la Bratva e la Triade. "Non esiste legame più forte del sangue. Almeno la Familia ha capito bene."

Aggrottai la fronte.

"Nato nel sangue. Giurato nel sangue. Questo è il loro motto."

Annuii, ma la mia confusione non fece altro che aumentare.

"Ieri ho incontrato Agatone Merante," disse mio padre. Agatone Merante era il capo della mafia newyorkese. Erano dieci anni che non avveniva un incontro tra New York e Chicago, e l'ultima volta non finì bene. Lo chiamavano Giovedì di Sangue. Mio padre non era nemmeno il capo; era solo un consigliere di Vernon Ruberti, che governava il crimine nel Midwest.

"Eravamo d'accordo che, affinché la pace fosse possibile, dovevamo diventare una famiglia", continuò mio padre guardandomi intensamente. Non volevo sentire il resto. "Ruberti ed io abbiamo concordato che tu sposerai il figlio maggiore dei Merante, Gio, che sarà il futuro capo della Familia."

Mi sentivo come se stessi cadendo. "Perché io?"

"Merante e Ruberti si sono sentiti al telefono, e Merante voleva per suo figlio la ragazza più bella. Non potevano dargli la figlia di un loro soldato, e siccome Vernon non ha figlie femmine, hanno scelto te come più belli disponibili", spiegò mio padre.

"Ma ci sono così tante belle ragazze," soffocai. Non potevo credere che stesse accadendo.

"Non ci sono molte ragazze italiane con i capelli come i tuoi. Vernon li ha descritti come dorati," rise mio padre. "Sarai il nostro ingresso nella Familia di New York."

"Ma, Padre, ho solo quindici anni. Non posso sposarmi," supplicai.

Mio padre respinse la proposta. "Se sono d'accordo, puoi. A noi non interessano le leggi."

Strinsi forte i braccioli, sentendomi insensibile.

"Ma ho detto ad Agatone che avremmo aspettato finché non avessi compiuto diciotto anni e finito la scuola. Tua madre ha insistito e Vernon ha ceduto alle sue suppliche."

Allora il Boss aveva deciso di aspettare, ma mio padre, se avesse potuto, avrebbe forzato il matrimonio. Gio Merante, il mio futuro marito, era noto per aver schiacciato la gola a un uomo a mani nude. Non sapevo nemmeno quanti anni avesse. Mia cugina ha dovuto sposare qualcuno molto più grande. Speravo che Gio non fosse così vecchio. Era crudele?

"Sarà il capo della mafia di New York," sussurrai. "Per favore, padre, non costringermi a sposarlo."

Il volto di mio padre si tese. "Sposerai Gio Merante. Ho stretto la mano a suo padre. Sarai una brava moglie e ti comporterai obbediente ai festeggiamenti di fidanzamento."

"Festa di fidanzamento?" chiesi, con la voce che sembrava distante.

"Sì, è un modo per unire le nostre famiglie e far vedere a Gio cosa ottiene", ha risposto mio padre.

"Quand'è?"

"Settembre. Non abbiamo ancora fissato la data."

Ho annuito insensibile. I miei sogni di un matrimonio d'amore sono andati in frantumi. Ho chiesto se potevo continuare a frequentare la scuola, ma nel profondo sapevo che non avrebbe avuto importanza. Il mio futuro è stato deciso per me. Tutto era già finito prima ancora di cominciare.

~*~

Non potevo smettere di piangere. Harper mi stava confortando accarezzandomi i capelli mentre la mia testa era appoggiata sul suo grembo. Aveva solo tredici anni, appena diciotto mesi meno di me. Tuttavia, quei diciotto mesi hanno fatto la differenza tra l’essere liberi e l’essere intrappolati in una situazione non amorevole. Ho fatto del mio meglio per non biasimarla perché non era colpa sua.

"Dovresti parlare di nuovo con papà." suggerì Harper una volta raggiunta la sua camera da letto.

Mi sono limitata ad alzare le spalle e ad abbassare la testa. Conoscendo nostro padre, non c'è nulla che possa cambiare la sua decisione una volta presa.

Lei corse accanto a me, afferrandomi per il braccio. "Forse la mamma potrebbe aiutarmi." Lei sussurrò.

"Dai. Mio padre non ha mai lasciato che una donna influenzasse la sua decisione. Ho risposto. Chiudendo le sue idee. Allo stesso tempo togliendomi ogni speranza che il mio cuore potesse nutrire.

Mi asciugai le lacrime e guardai Harper, sentendomi infelice. Aveva i miei stessi occhi azzurri, ma i suoi capelli erano rossi, a differenza dei miei, che erano biondo chiaro. A volte mio padre la chiamava strega, ma non era un termine affettuoso.

"Ha fatto un patto con il padre di Giò," le ho detto.

Harper fu sorpreso e chiese se si fossero incontrati. Mi chiedevo la stessa cosa. Perché papà ha trovato il tempo per incontrare il capo della Famiglia di New York, ma non per discutere i suoi piani di svendermi come una merce?

Ho respinto la frustrazione e la disperazione che crescevano dentro di me, dicendo ad Harper che non c'era niente che potessimo fare.

Harper ha cercato di tirarmi su di morale, dicendo che Gio potrebbe essere brutta, grassa e vecchia. Ma sapevo che le mie preoccupazioni andavano ben oltre il suo aspetto.

Abbiamo deciso di cercare informazioni su Gio online. Sembrava uno scapolo ricercato con freddi occhi grigi e una corporatura muscolosa. Gli articoli lo chiamavano l'erede dell'imprenditore Agatone Merante, ma sapevamo cosa rappresentava veramente: morte e violenza.

Vedere le foto di lui con ragazze diverse in ogni foto mi ha reso amareggiato. Le ragazze della società erano attratte dal suo fascino e dalla sua ricchezza, non conoscendo l'oscurità che si nascondeva sotto la sua facciata.

Sentivo il bisogno di parlare con Enrique, la nostra fedele guardia del corpo, che sapeva tutto di tutti, Gio compreso.